Arrivederci al 2022

ChiassoLetteraria si accomiata da voi, stanco ma felice, e vi dà appuntamento all’anno prossimo!

Prossimi eventi

pianeta proibito

 

ChiassoLetteraria, 15a edizione

1 – 5 settembre 2021

Siamo davvero l’ultima generazione che potrà salvare il mondo?

Web TV

Servizio web tv in collaborazione con Cerdd Centro risorse didattiche e digitali: www.ti.ch/cerdd

Dentro il festival

 

Raccontare la crisi climatica: Andri Snær Magnason

Raccontare la crisi climatica: Andri Snær Magnason

Di Rossana Tanzi Uno degli appuntamenti più attesi di quest’edizione di Chiassoletteraria era sicuramente quello con Andri Snær Magnason: attivista, performer, scrittore e candidato alle ultime presidenziali islandesi, è ospite del Pianeta Proibito per presentare il...

Intervista a Maria Rosaria Valentini

Intervista a Maria Rosaria Valentini

di Sofia Perissinotto Maria Rosaria Valentini, scrittrice e poeta italiana che vive in Svizzera da molti anni, è autrice di una ricca e densa produzione di poesie, romanzi e racconti. I suoi lavori hanno ottenuto, in Italia e non solo, importanti riconoscimenti: basti...

Philippe Rahmy, scrittore viaggiatore

Philippe Rahmy, scrittore viaggiatore

di Mara Travella Protagonista dell'evento di sabato 4 settembre alle 14:00 presso lo Spazio Officina è stato l'autore Philippe Rahmy, a cui quest'anno è stato assegnato, postumo, il prestigioso Grand Prix C.-F.Ramuz.  Sul palco, a raccontare la vita e le opere...

Essere giovani. Intervista a Leonardo Caffo

Essere giovani. Intervista a Leonardo Caffo

di Sofia Perissinotto Quando è stata l’ultima volta in cui hai dato corpo a un tuo desiderio profondo? Si è aperta venerdì sera, ufficialmente, la nuova edizione di ChiassoLetteraria. La suggestione di fondo è quella del pianeta proibito; il desiderio comune è quello...

Le foto del festival

 

Il giornale del festival

Siamo davvero l’ultima generazione che potrà salvare il mondo?
Hai mai ascoltato un dialogo tra due mari?
Sai cos’è stata l’eugenetica praticata ai danni del popolo Jenisch sino al 1972?
Ti immagini cosa può aver provato una ragazza rinchiusa coattivamente in un istituto?
Puoi capire cosa rappresenti scrivere un romanzo tramite messaggi telefonici da un campo di reclusione in un’isola sperduta nel Pacifico?
Cosa comporta essere giovani dal futuro incerto?
Hai già sentito il suono ipnotico del tombak persiano?
Stare a casa coincide col sentirsi a casa?

Forse l’unica vera ragione per dare vita a un festival di letteratura, citando Forough Farrokhzad, è nel voler continuare a parlare “dall’estremità della notte”, invitando autori autentici da scoprire o ritrovare, dando voce a chi non ce l’ha, affrontando questioni che ci definiscono.