Ospite d’eccezione dell’anteprima del festival di lunedì 24 aprile 2017, 20.30, Cinema Teatro Chiasso

ChiassoLetteraria è lieta di annunciare un incontro speciale con un ospite d’eccezione: lo scrittore israeliano David Grossman. L’incontro, moderato dal giornalista e regista Matteo Bellinelli, sarà l’occasione per conoscere dal vivo uno dei grandi scrittori contemporanei.
L’entrata è libera, sino all’esaurimento dei posti disponibili. Non è prevista la prenotazione dei posti (entrata aperta dalle 19.45). Nell’atrio del teatro, sarà allestito uno spazio libreria con le opere dello scrittore. L’incontro è organizzato da ChiassoLetteraria in collaborazione con Mondadori Libri, l’Associazione degli Amici del Cinema Teatro e il Centro Culturale di Chiasso
L’incontro con David Grossman potrà essere seguito anche in diretta streaming dal sito www.chiassoletteraria.ch

Scarica il Comunicato stampa del 17 marzo 2017 – Grossman a ChiassoLetteraria

David Grossman è nato nel 1954 a Gerusalemme, dove ha studiato Filosofia e Teatro alla Hebrew University laureandosi nel 1979. Ha cominciato la sua carriera lavorando fin da bambino alla radio nazionale israeliana “Kol Israel” come giovanissimo reporter e ha poi proseguito come corrispondente e conduttore di programmi fino al 1988. Parallelamente inizia la sua attività come scrittore e negli anni Ottanta ottiene i primi importanti riconoscimenti per i suoi lavori fra i quali si possono ricordare Il sorriso dell’agnello, Il vento giallo, Vedi alla voce: amore, Che tu sia per me il coltello, A un cerbiatto somiglia il mio amore, Le avventure di Itamar, Applausi a scena vuota che spaziano dalla narrativa alla saggistica, ai libri per ragazzi. È uno degli autori israeliani più importanti e significativi e i suoi romanzi sono tradotti in moltissime lingue. Da sempre è impegnato in prima persona per sostenere fortemente il dialogo e la ricerca di una soluzione pacifica della questione israelo-palestinese diventando anche in questo ambito una voce autorevole e un punto di riferimento nel suo Paese, ma non solo