di Arianna Limoncello Quando si era definita “Bestia di notte” era più che altro una battuta bonaria, autoironica, perché era fatta così, era una tipa scherzosa, che sapeva prendersi per il culo: certo non una di quelle personcine rigide, rigidine, rigidone, a tal...