12 Maggio 2022

SPECIALE UCRAINA OGGI con Moni Ovadia, Nello Scavo e Giulia Lami

LA PRIMA VITTIMA DI OGNI GUERRA È IL PENSIERO Tavola rotonda sulla guerra in Ucraina e sulle sue conseguenze. Interverranno [...] alle 20:30, Spazio Officina

Moni Ovadia

(Plovdiv, Bulgaria, 1946), cantante, musicista, attore e scrittore italiano.

Nasce in Bulgaria da una famiglia ebraico-sefardita, ma di fatto impiantata da molti anni in ambiente di cultura yiddish e mitteleuropea. Cresciuto a Milano, dopo gli studi universitari e una laurea in scienze politiche ha dato avvio alla sua carriera d’artista come ricercatore, cantante e interprete di musica etnica e popolare di vari paesi. Nel 1984 comincia il suo percorso di avvicinamento al teatro, prima in collaborazione con artisti della scena internazionale, come Bolek Polivka, Tadeusz Kantor, Franco Parenti, e poi, via via proponendo se stesso come ideatore, regista, attore e capocomico di un “teatro musicale” assolutamente peculiare, in cui le precedenti esperienze si innestano alla sua vena di straordinario intrattenitore, oratore e umorista. I suoi spettacoli, tra cui Oylem Goylem (“Il mondo è scemo” in lingua yiddish), che lo rileva al grande pubblico, mescolano abilmente musica klezmer, cultura yiddish e witz, il tradizionale umorismo ebraico. Filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria è la tradizione composita e sfaccettata, il “vagabondaggio culturale e reale” proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell’immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro. Nel 1996 ha ricevuto il Premio speciale UBU per la sperimentazione su teatro e musica, solo il primo di una lunga serie che include tra gli altri: il Premio Franco Enriquez per l’impegno civile, il Premio Govi dalla città di Genova, il Premio De Sica per il teatro e da ultimo nel 2010 il prestigioso Premio Musatti. Al cinema ha recitato in Caro Diario di Nanni Moretti. Tra i suoi libri: Un ebreo contro (2021), Perché no? L’ebreo corrosivo (2016), Madre dignità (2012), Il principe e il pollo (2006).