prossimi eventi

Torno subito
Godot

Massimo Gezzi

(Sant’Elpidio a Mare, 1976) poeta e saggista italiano, radicato nel Canton Ticino.

Ha pubblicato i libri di poesia: Il mare a destra (Atelier, 2004), L’attimo dopo: 2004-2009 (Sossella, 2009; Premi Metauro e Marazza Giovani), Il numero dei vivi (Donzelli, 2015; Premi Carducci e Tirinnanzi, Premio svizzero di letteratura) e recentemente Uno di nessuno. Storia di Giovanni Antonelli, poeta (Casagrande, 2016), un personaggio che Gezzi così ci descrive: «era un anarchico, un anticlericale, un miserabile e forse per questo il suo paese d’origine, che è anche il mio, ne ha completamente cancellato la memoria, come poeta e come uomo».

In ambito poetico vi è inoltre da segnalare la plaquette trilingue In altre forme/En d’autres formes/ In andere Formen. Dieci poesie in tre lingue (Transeuropa, 2011) e alcune poesie incluse nell’antologia Poesia contemporanea. Nono quaderno italiano, a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2007).

Ha curato con Thomas Stein il volume L’autocommento nella poesia del Novecento. Italia e Svizzera italiana (Pacini, 2010), l’edizione commentata del Diario del ’71 e del ‘72 di Eugenio Montale (Mondadori, 2010) e l’Oscar Poesie 1975-2012 di Franco Buffoni (Mondadori, 2012).

La sua produzione saggistica è riunita nel volume Tra le pagine e il mondo. Dieci anni di incontri, dialoghi, letture (Italic, 2015).

Vive a Lugano dove insegna italiano presso il Liceo cantonale 1.