14° festival internazionale di letteratura

1-5 maggio 2019

Quale futuro immaginare?
Da quali pericoli guardarci?
Quali le innovazioni dei prossimi anni?
Quali le ricadute antropologiche?
Quali anticorpi trovare per contrastare l’ascesa di poteri autoritari e difendere i diritti delle persone?
In quali spazi d’utopia la letteratura (sia essa distopica) può ancora portarci?

Il Festival, che prende il titolo dall’omonimo romanzo di Aldous Huxley (Brave New World, in italiano Il Mondo Nuovo), vuole essere un’occasione per riflettere sui cambiamenti – le mutazioni – che stanno trasfigurando il mondo, delineando scenari che, a dipendenza degli sguardi, possono essere apocalittici o rinnovatori.