Adamo era il primo uomo che è nato. Prima abitava con sua madre Abdrade. Poi il figlio andò alla Migros ma gli misero un cartello “questo é un ladro e non paga”.

Il giorno dopo cominció l’apprendistato di Barbiere di Donne ed era molto bravi. La mamma Alessia e il padre di Adamo non vivevano nel lusso ma in una casetta in mezzo a Orenno. Poi venne un altro personaggio chiamato Valerio che aveva una sorella chiamata Valeria. Io invece ero innamorato di una italiana che era molto amica delle mie sorelle cioé Vincenzina Rosa, poi ho trovato Graziella che aveva un figlio che era un mago dell’elettronica. Intanto io mi innamorai di Fiorenza. Veniva sempre a trovarmi troppo presto ed io non la vedevo mai, perché io dormivo ancora alla mattina presto avevo molto sonno. Tutto questo perché non c’era l’ora legale.

Allora a sua madre e a suo fratello Francesco gli portai un disco degli “Boneim” e lui diventó un cantante molto apprezzato. Sposó due donne una di Gordola e la seconda di Monte-Carasso e teneva alla squadra di Campo Basso.

Collettivo Scrittori Abbastanza Indipendenti – Peter